Pagina:Bandello - Novelle, Laterza 1911, IV.djvu/136

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


NOVELLA II '33 Aristeo da Bologna, sescalco de l’umanissimo signor Alessan¬ dro Bentivoglio, che quivi di brigata si ritrovava, narrò loro una picciola ma ridicola novella a questo stesso proposito. Essa novella fu da me, secondo che egli la.narrò, scritta. E sapendo quanto voi séte festev ole e che volentieri dopo gli studi vostri pigliate spesso piacer d’alcuna cosa piacevole, per trastullarvi e rendervi più forte ad essi studi, quella al nome vostro ho dedicata, rendendomi certo che di buon animo l’accetterete. Se poi sarà alcuno critico che dica, come gli spigolistri dal collo torto sogliono assai sovente dire, che queste cosi fatte ciancie né a voi leggere né a me scriver si convengono, si risponderà loro il verso del poeta: È ’1 dir lascivo, ed è la vita onesta. State sano. NOVELLA II Un doltor vecchio si mette per goder amorosamente una bella giovane ed essendo seco nulla puote far già mai. In quei di che la felice memoria del signor Giovanni Benti¬ voglio insieme con i signori suoi figliuoli teneva l'imperio de la grassa e ricchissima Bologna, fiorivano in quella città gli studi de la ragione cesarea e pontificia insieme con quelli de la me¬ dicina e di tutte l’arti liberali. Erano di continovo quivi solen¬ nissimi ed approvati dottori ed uomini dottissimi in ogni facultà. Il perché di tutta Italia e anco di Lamagna, di Francia e da le Spagne concorreva la gioventù a Bologna per riuscir dotta in quella faculté che più gli piaceva. E si come diverso era il nu¬ mero degli scolari e vari gli ingegni loro, cosi anco erano diffe¬ renti coloro che a la gioventù publicamente leggevano, con ciò sia cosa che la più parte di loro non solamente s'ingegnavano render dottrinati i lor discepoli, ma si sforzavano ancora con l’essemplarità de la vita fargli costumati e da bene. Ce n’erano poi di quelli a cui bastava assai legger dottamente ciò che legge¬ vano, e nei circoli disputatorii dimostrarsi negli argomenti e ne le risposte pronti, ingegnosi ed acuti. Si rendevano ancora molto •