Pagina:Bandello - Novelle, Laterza 1911, IV.djvu/345

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


342 PARTE TERZA fanno a’ mariti ; e fummi narrata dal mio vertuosissimo messer Martino Agrippa. Il quale suol dire che non produce di nuovo ogni anno la primavera tante frondi e fiori quante sono le frodi che le mogli fanno ai mariti, le quali, se si sapessero tutte e fossero scritte, farebbero assai più volumi che non sono quelli de le lunghe e verbose leggi. Restami pregarvi che talora degnate ricordarvi quanto il Bandello desidera di farvi sevizio. State sana. NOVELLA XXXV Un dottore cambia vestimenti col marito de la sua innamorata e si giace con lei da mezzogiorno. Egli non è molto che in Milano si ritrovò un dottore di leggi assai giovine, che non meno era dedito a le donne che ai lesti di Giustiniano; il quale, amando una giovane nobilmente mari¬ tata, spesse fiate con lei a prender amorosamente l’uno de l’altro piacere si ritrovava. Il marito di lei, quantunque nobile e ricco, era uomo assai ambrosiano e cui di leggero la moglie, che era scaltrita, dava ad intendere ciò che voleva. Ed avendo certa lite di confini di casa con un suo vicino, teneva domestica e stretta pratica col dottore; di maniera che gli amanti potevano senza sospetto insieme ragionare e dar ordine, senza il mezzo di messaggieri, a’ casi loro. Né in casa era persona che questo loro amore sapesse, se non una donzella de la donna. Ora avvenne un giorno che il dottore, montato su la mula, si parti di casa per andar a ritrovare la sua amica, e andando incontrò il marito di lei, che era a cavallo e andava a diporto; il quale, come vide il dottore, se gli accostò e cominciò seco a ragio¬ nare de la sua lite. Messer lo dottore che aveva voglia d’altro che di lite, poi che gli ebbe alcune cose circa la lite risposto, gli disse: — Io non poteva incontrare persona più a mio proposito che voi, perciò che io vorrei andar a parlare con una mia inna¬ morata, e andava ora pensando ove potrei accomodarmi d’una cappa; e la vostra sarà al proposito, se me la volete prestare. Noi entraremo qui ne la chiesa di San Nazaro, ed io vi darò la