Pagina:Bandello - Novelle, Laterza 1911, IV.djvu/417

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


l’AUTE TERZA che troppo non era di donne vago, deliberò non perder questa ventura. Onde tutto i! di in camera la tenne, ove la fece disinare e cenare, ed anco egli seco mangiò e due volte seco si prese amorosamente piacere. E perché de le fantasme che di notte vanno a torno ella talora non avesse paura, tutta la notte le tenne nel letto buona compagnia, e volle che anco ci stesse un cancegliero del capitano, che era buon compagno. A la donna parve un nuovo mondo questo, perciò che il marito non le scoteva il pelliccione due e tre volte il mese, e alora tra il di e la notte da tre uomini aveva avuto più di diciotto prevende di biada. Sono alcuni che dicono che quella notte tutti i palafrenieri di stalla si giacquero con lei e che tutta la notte fu tenuta sve¬ gliata; ma io ho pur inteso che la cosa fu come v’ho narrato. La matina convenne a Niccolò Piccinino andar a Milano per par¬ lare col duca Filippo, ove stette quattro o cinque giorni, nei quali il maestro di stalla e il cancegliero sempre fecero a la donna buona compagnia. Si che ella fu tutte quelle notti benis¬ simo trattata con grandissimo suo piacere, non avendo mai simil diletto provato. Ora, essendosi a Milano Niccolò Piccinino spe¬ dito, se ne tornò a Pavia al suo solito albergo. Era sempre stato il detto capitano alieno da l’amore de le donne, onde il maestro di stalla deliberò dirgli il fatto come stava, a ciò che se da altri poi l’avesse saputo, egli seco non si fosse adirato. Andò adunque a trovarlo e il tutto che de la donna era seguito gli raccontò. Niccolò Piccinino, sentendo questa favola, disse al suo maestro di stalla: — Buon prò a te e al cancegliero! Io ti aveva fatto ritener la donna per farle far la pace col marito; ma Tessermi stato bisogno andar a Milano me la cavò di fantasia. Ora non so mò come si potrà comodamente fare, essendo oggimai otto di che ella è ne le mani nostre. Come faremo noi? — Signore — rispose il maestro di stalla, — ella non vuole a patto nessuno tornar col suo marito, si perché è vecchio e le fa far digiuni che non sono in calendario, ed altresì perciò che dubita che poi il marito non Tancidesse. Ella è forse de le belle giovani di questa città e la più gentil figliuola del mondo, ed è un gran peccato che sia a le mani di questa bestia. — Niccolò Piccinino, sentendo