Pagina:Bandello - Novelle. 1, 1853.djvu/234

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


farnetichi costà dentro montano nulla. Sapete bene che ambasciator non porta pena. La mia signora vuol sapere da voi che cagione vi ha mosso a venir qui, e se ci è nessuno che de la venuta vostra sia consapevole. Questo, oltra il filare, conviene che voi mi dichiate. Voi sète ridotto a tale, che date dei calci al vento e pestate acqua in mortaio, se pensate quindi uscir già mai, se voi non filate e non dite ciò che vi ho richiesto. Sì che passate questa vita pazientemente, perciò che altro modo nè rimedio ai casi vostri non ci è, e pensando di far altrimenti voi vi beccate il cervello. Questa è la ferma e determinata conchiusione, che altro non avete a mangiare che un poco di pane e d’acqua, se non filate e non dite se vi è chi sappia il fine, perchè qui siate venuto. Se volete vivere, mostratemi del filo e dite la cosa com’è. Se non, ve ne rimanete. – E veggendo che filato non aveva nè disposto era dire ciò che se gli domandava, chiuse il portello. Il mal arrivato barone quella sera non ebbe nè pane nè vino. Onde, perchè proverbialmente si dice che chi va a letto senza cena tutta la notte si dimena, egli mai non chiuse occhio in tutta la notte. Ora, come fu il barone serrato in camera, in quel punto, per commissione de la donna, furono segretamente e con destrezza sostenuti i servidori e i cavalli del signor Alberto, e insieme con le robe di quello ridotti in un luogo appartato, ove erano benissimo del vivere provisti e non mancava loro altra cosa che la libertà. Si fece dapoi spargere la voce che il signor Alberto se n’era tornato in Ongaria. Ma tornando al cavalier boemo, vi dico dunque che egli, sapendo uno dei dui competitori ongari essersi da la corte partito e cavalcato in Boemia, ognora contemplava la incantata imagine per vedere se di colore si cangiava. Onde, in quei tre o quattro giorni che l’ongaro cercava renderla verso sè pieghevole, in tutte l’ore che egli le parlava vedeva il boemo la sua imagine farsi di color giallo e poi ritornare al suo nativo colore. E veggendo che più non si cangiava, tenne per certo il barone ongaro esser stato repulso e niente aver operato. Del che si trovava sovra modo contento, parendogli di poter esser sicuro de la onestà de la moglie. Tuttavia egli in tutto non si assicurava, nè il core gli stava ben riposato, dubitando che il signor Uladislao, che ancora partito non s’era, non fosse più del compagno aventuroso ed ottenesse ciò che l’altro non aveva potuto acquistare. Il barone, che imprigionato si trovava, non avendo il dì innanzi a la sua presura mangiato cosa alcuna e la notte nulla dormito, venuta la matina, dopo che molto e molto ebbe ai casi suoi pensato, veggendo