Pagina:Barrili - Castel Gavone.djvu/13

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 2 —


conterminata da tre montagne; due la fiancheggiano, accompagnandola cortesemente fino al mare; un’altra la chiude a tramontana, o, per dire più veramente, la divide in convalli, dandole in tal guisa la forma di una ipsilonne, il cui piede si bagna nel Tirreno e le braccia si allungano verso il padre Appennino, che in quei pressi per l’appunto incomincia, spiccandosi dall’altura del Settepani, ultimo anello della catena delle Alpi marittime.

Nella inforcatura dell’ipsilonne (poichè ho presa a nolo questa inutilissima tra le lettere dell’alfabeto, ne spremerò tutto il sugo) si alza il monte del Castello, che ha il borgo del Finaro alle falde. Due torrenti, Aquila da levante e Calice da ponente, scendono dalle convalli, circondano il borgo, si maritano sotto le sue mura (stavo per dire sotto i suoi occhi), pigliano il nome di Pora e in un letto che è lungo un miglio, o poco più, consumano le nozze modeste, vigilate in sulla foce dalle due montagne accennate più sopra; Monticello a levante, che finisce poco lunge dalla spiaggia nei dirupi bastionati di Castelfranco, e Caprazoppa a ponente, ruvida schiena di monte che s’inarca a mezza via, indi si abbassa, si prolunga a dismisura verso mezzogiorno e coll’estremo suo ciglio si getta a piombo nel mare.

Tra questi due monti, e lungo la spiaggia, si stende ora una piccola ma ridente città, che porta il nome di Finalmarina. Al tempo di cui narro, si diceva in quella vece la Marina del Finaro e non era che un’umil terra di duecento fuochi; laddove il borgo feudale, murato in capo alla valle, ne noverava ben quattrocento, e, coronato dal suo castel Gavone, di-