Pagina:Barrili - Castel Gavone.djvu/16

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 5 —


taiuolo che fosse, raccoglieva nella sua persona le due dignità di ortolano e di ostiere.

I due cavalieri giunsero davanti al portone spalancato, che lasciava scorgere un’aia pulita e lucente, sebbene non d’altro fosse composta che di terra battuta, con un frascato in aria, all’altezza del primo piano, e qua e là alcune rozze tavole e panche niente più appariscenti, secondo il costume delle osterie di campagna. Di là dall’aia, e proprio di rincontro al portone, si dilungava un pergolato, che risaliva tra due file di pilastri sul fianco della collina.

— Dovrebbe esser qui; — disse il più vecchio dei due, uomo intorno ai sessanta, dal volto abbronzato e dalle membra poderose, strette in un farsetto di pannolano, su cui era buttato alla scapestrata un corto mantello. — Questa veduta risponde benissimo a ciò che vi ha detto il magnifico messere Ambrogio Senarega. C’è il terrazzo colla pergola, c’è la frasca sull’uscio, il viale coperto in fondo dell’aia....

— E l’insegna che dice tutto! — interruppe il compagno, d’una ventina d’anni più giovine e più nobilmente vestito. — Vedi, Picchiasodo; qui sul portone sta scritto a lettere da speziali: «Fermatevi all’Altino; c’è buona l’accoglienza, e meglio il vino

— L’oste si vanta; — rispose il Picchiasodo; — ma gli darò io una ripassata al suo vino, e se non mi va, il primo pezzo di muro che mando a rotoli, vuol esser questo, dov’egli ha posto l’insegna. —

Intanto, erano entrati sotto il portone.

L’oste, faccia contenta e grulla (così almeno portava l’apparenza), si fece innanzi premuroso, con un ragazzone e una nidiata di bambini alle spalle.