Pagina:Barrili - Castel Gavone.djvu/161

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


— Sì, — rispose egli confuso; — ma infine....
— Infine, — proseguì ella, — voi siete l'amico nostro, il servitor più

fedele e più caro; mio padre....

— E sempre vostro padre! — interruppe Giacomo Pico, stizzito di non

poter uscire da quella cerchia di affetti tranquilli e di accenni al suo umile stato.

Qui fu per madonna Nicolosina il caso di pigliare il broncio davvero.

— Messer Giacomo, e come? — chiese ella, tirandosi indietro un passo e

guardandolo severamente. — Non amereste par avventura mio padre?

— Voi mi uscite di proposito, madonna Nicolosina! — gridò il giovine,

riscaldandosi a sua volta. — Ah, questo è troppo ed io ho troppo sofferto. Fossi morto almeno, di quella stoccata, più pietosa a gran pezza delle vostre parole! E perchè, voi che mi parlate ora in tal guisa, siete accorsa a togliermi di laggiù, ov'io sarei presto uscito di pena?

— Non mi fate colpa di un uffizio di carità, ve ne prego; — rispose

ella turbata. — Chi soffre ha diritto alle nostre cure, e più ancora quando egli soffre per nostro servizio.

— Ah, — soggiunse egli amaramente, — voi dunque non mi amate? — 

La fanciulla lo guardò stupefatta. Egli incalzò la dimanda e fu per afferrarle una mano; ma ella lo rattenne con un gesto severo.

— Messer Giacomo, — soggiunse poscia, con accento impresso di dignità e

di tristezza ad un tempo, — mi farete pentire d'esser venuta a darvi il buon dì. —

Giacomo Pico, il ruvido soldato, fu scosso da quelle meste parole. Ma non era della sua natura il trattenersi