Pagina:Barrili - Castel Gavone.djvu/184

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


questo bel forastiero sui merli. Chi sa che ad ambedue non tocchi la medesima scala? La sorte e così capricciosa!

— Ah, Giacomo, non far ragazzate, ti prego! — rispose il Sangonetto,

con una ansietà, la cui espressione subitanea non isfuggì al vigile sguardo di madonna Nicolosina.

— Non temere; — soggiunse Pico. — Vedrai!
— Già, non vedrò niente, io! — ripigliò Il Sangonetto. — Sono

ambasciatore, non uomo d'armi, e le scale a piuoli mi darebbero il capogiro. Ho preso il tuo posto; non te ne lagnare. Io non sono ambizioso; finita, bene o male, la guerra, torno ciliegia e tu sarai da capo il fico dell'orto.

— Ah sì! — sclamò il Bardineto, digrignando i denti. — Se tu aspetti

ch'io serva ancora questa razza d'ingrati!... —

Mentre egli così parlava, Nicolosina aveva tratto in disparte suo padre e gli venìa favellando, con aria d'affettuosa preghiera.

— Capisco; — rispose Galeotto ridendo; — tu non vuoi che il tuo

leggiadro sposo, appena giunto tra noi, vada a correre il rischio d'una piombatura sul capo. E sia, lo pregherò; ma vorrà egli accettare?

— Se tu glielo domandi, padre mio, perchè no? Non è egli uffizio

ragguardevole, e non l'hai tu fin qui lasciato, certo per mancanza di uomini da ciò, a men degne persone?

— Per san Giorgio, figliuola mia, questo è un biasimo che mi date. E

invero, l'ho anche un po' meritato! — soggiunse Galeotto, accarezzando con tenerezza paterna i biondi capegli di madonna Nicolosina.

E voltosi poscia al Cascherano, gli disse: