Pagina:Barrili - Castel Gavone.djvu/195

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


— Uccidetemi, messer Giacomo! — gli disse invece, dando in uno scoppio

di pianto. — Ho udito ogni cosa e mi è più caro morire, che soffrir come faccio da un'ora. —

Giacomo Pico rimase immobile un tratto a guardarla, così abbandonata nelle sue braccia, sciolta le chiome, il volto arrovesciato, fiammeggiante, inondato di lagrime. Era bella, così; e lo amava, e soffriva per lui.

S'inginocchiò, per sostenerla meglio e sollevarle la testa, ma più, ancora per divorarla degli occhi e riscaldarla del suo alito ardente, quella donna leggiadra, che si struggeva di vergogna e di amore.

— Hai udito ogni cosa? — le disse. — Hai dunque udito che siamo i loro

servi, i loro trastulli? Questi orgogliosi e malvagi signori, li conosci ora anche tu? —

— Oh, Giacomo! che dite voi mai!.... — gridò sbigottita la poveretta.
— Dico che tali son essi, e che altri dobbiamo esser noi da quelli di

prima, per loro; — ripigliò Giacomo, infiammato di sdegno; — dico che bisogna odiarli.... e amarci tra noi; — soggiunse sottovoce e quasi bisbigliandole la frase all'orecchio.

Alle inattese parole e al soffio infuocato delle labbra di Giacomo, la Gilda trasaltò e volse su lui uno sguardo smarrito.

— Amarci tra noi, sì! — ripetè il Bardineto. — Non siamo noi quanto

loro? In che sei tu men bella di lei? E in che son io da meno di uno sposo che ella conosce a mala pena per nome? Io e tu, fanciulla, siam nati in umile stato; è questa l'unica differenza