Pagina:Barrili - Castel Gavone.djvu/197

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


di rimanere eternamente colà, quando sentii il tuo braccio scorrere lievemente sotto il mio capo per rialzarlo, quando sentii sulle mie guancie l'alito della tua giovinezza. E poi, quale follìa! Come ho potuto io uscir fuori di me? Credilo, fu una malìa. Più ti guardo, e più vedo che nessuna donna ti vince in bellezza. Occhi meravigliosi che han pianto tanto!...... Anche i miei, Gilda, ma non piangeranno più, o piangeranno per te. Labbra porporine, da cui mi sarà così dolce una parola di perdono! guancie morbide, che non respingeranno i miei baci!.... —

Accesa di quelle parole, gittata di balzo in un mondo così nuovo per lei, Gilda trovò pure la forza di svincolarsi dalle strette del giovine.

— Ah no, messer Giacomo; — gridò ella piangente; — non è così che si

ama.

— T'inganni; — le diss'egli, ma chetandosi tosto e persuadendola con

atti riguardosi a sedere daccanto a lui, mentre stringeva una mano che ella non ebbe cuore di negargli; — t'inganni. L'amore è un'ebbrezza, uno spasimo; qualche volta un martirio. Non l'hai sentita tu una spina nel cuore, quando mi udivi, forsennato, implorar mercè da quella tua vanitosa signora?

— Non parlate così di lei, — diss'ella scorrucciata, ritraendo la

mano, — o io crederò che l'amiate ancora.

Il Bardineto si morse le labbra.

— Ha ragione, — pensò egli tra sè, — ed io non sono ancora abbastanza

esperto in cosifatte battaglie. —

Indi, rivoltosi a lei, prosegui raumiliato: