Pagina:Barrili - Castel Gavone.djvu/264

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Sapete? egli è quest'oggi di pessimo umore, e potrebbe farvi una brutta accoglienza.

— Dici da senno? — chiese mastro Bernardo, con piglio scontento. — Mi

pare che chi porta notizie utili....

— Ma cattive come queste! — interruppe la Gilda. — Credete a me, zio, vi

accoglie male; non andate. Io sono di casa e con me non c'è pericolo che si metta in collera.

— Ma io... — si provò a dire mastro Bernardo, sperando di rimettersi in

sella, — io posso dir cose che una donna, una ragazza senza esperienza, non potrà mai mettere in chiaro come si bisogna. Io poi ci ho le notizie di prima mano e tu...

— Mi fate pensare ad un altro pericolo; — interruppe la nipote. — Che

dirà dei fatti vostri il marchese, quando gli porterete voi le notizie date da un altro? Il Maso le ha in prima mano, non voi. E se il marchese vi chiedesse perchè non avete lasciato andare da lui il Maso in persona, che cosa potreste rispondergli?

— Ma.... — balbettò il povero ostiere. — Lì per lì non saprei.... Ci

penserò.

— No, bisognerebbe averci pensato. Vedrò io, farò io. Voi farete una

cosa più utile, di cui vi si darà lode e ricompensa domani.

— Che cosa? Parla, dilla su, poichè vuoi fare a tuo modo; — soggiunse

rassegnato lo zio.

— Ecco; stanotte, con quanti uomini potete, trovatevi sotto il

castello. Ci potrebb'essere bisogno di voi, e, mi capite? l'esserci venuto spontaneamente vi tornerà a grandissimo onore.