Pagina:Barrili - Castel Gavone.djvu/275

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


na sorpresa.


Ora, siccome il nostro bravo Campora solea mettere in tutte le cose sue poco intervallo tra il pensare ed il fare, a mala pena ebbe pigliata questa risoluzione, uscì dalla sua baracca per andarne a chieder licenza a messer Pietro, padron suo riverito.

S'aspettava qualche po' di contrasto; ma, con sua gran meraviglia, non ci fu nulla.

— Bravo! — gli rispose il capitano generale. — Stavo appunto per

mandarti a cercare e chiederti se volevi farmi compagnia.

— Che? come? — farfugliò il Picchiasodo, inarcando le ciglia. — Voi,

magnifico messere?

— Sì, io. Che ci trovi di strano?
— Eh, mi sembra che ce ne sia la sua parte. Gli è un colpo ardito,

quello che si tenta, con questi furfanti di tre cotte. E se ci andasse a male? Se quei di lassù stessero in guardia? Se fossero stati avvisati?

— Baie! Chi vuoi tu che li abbia avvisati? E fosse pur vero, che vuoi

tu che s'aspettino proprio stanotte da noi? E poi, vedi, Anselmo; chi non risica... Lo conosci, il proverbio?

— Non rosica; lo capisco; — soggiunse il Picchiasodo, chinando la

fronte.

— Orbene, — proseguì messer Pietro, — ce n'è anche un altro che fa al

caso nostro. Dal farle tardi Cristo ti guardi! Ora, questa s'ha da far subito, o mai. Genovese aguzzo, piglialo caldo. —

A queste parole il Picchiasodo non potè ritenersi dal ridere.

— Scusate, messer Pietro; — diss'egli, con piglio di rispettosa

dimestichezza; — siete tutto proverbi, stassera.