Pagina:Barrili - Castel Gavone.djvu/32

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 21 —

droni in casa loro, che non li comandava nemmeno l’imperatore; e adesso, vedete, son roba di tutti, che la è una miseria a pensarci. E ancora s’impuntano a dar molestia ai vicini; e vogliono far l’omo addosso a noi altri! Si mettano in pace tra loro, si mettano; comandi chi può e obbedisca chi deve. Che ve ne sembra, messere?

— Mi sembra che tu abbia ragioni da vendere! — rispose messer Pietro, aggrottando le ciglia.

In quella che mastro Bernardo, ringalluzzito del suo trionfo oratorio, si disponeva a meritarsene un altro, ricomparve il Maso sull’altana.

— Padrone! — gridò egli ansimante — Venite giù subito!

— Che c’è egli di nuovo? — dimandò stizzito l’ostiere.

— C’è messer Giacomino che ha mestieri di voi.

— Aspetti; or ora ci andrò.

— Ha premura; — incalzò il ragazzo,

— Se ne vada, allora; potevi dirgli che ci ho forastieri.

— Se gliel ho detto! Ma egli vi vuole ad ogni costo.

— Ha da essere un pezzo grosso, il vostro messer Giacomo! — notò il Picchiasodo. — Va dunque e vedi di contentarlo.

— Oh, gli è un giovinotto, mezzo villano e mezzo soldato, che si crede dappiù di chi si sia, perchè il nostro Marchese lo vede di buon occhio; un superbioso, che va sempre col capo nelle nuvole, e qui non ha mai bevuto un bicchiere.

— Ragione di più per scendere; vedrai che stavolta ti asciuga la cantina.