Pagina:Barrili - Castel Gavone.djvu/37

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Bernardo, con aria di chi sa e vuol lasciarsi scorgere; — il nostro magnifico Marchese li aspetterà.

— Se li aspetterà! Lo credo io! Sono annunciati certamente da due ore.

Io era appunto in volta verso Calvisio,... A mala pena arrivato stanotte!...

— A proposito, siete stato in viaggio....
— E lungo; e ho avuto appena il tempo di far la mia relazione al

Marchese, ch'egli mi ha mandato fino a Pia per vedere la nuova compagnia di balestrieri che ha presa in condotta testè. Ero salito a Calvisio per dare un'occhiata alla guardia; torno al passo della fiumana e mi dicono che due cavalieri sono discesi verso Castelfranco, avviati pel Borgo. Mi metto sulle loro pedate e non li trovo; alla porta di San Biagio nessuno li ha visti. Rifò la strada, piglio lingua, e sento che si erano fermati all'Altino. Che è ciò? A due passi dal borgo, perchè smontano essi da te?

— Eh, l'ho detto ancor io; perchè smontare da me? Ma che volete,

messer Giacomino? Avran veduto l'insegna: Fermatavi all'Altino, c'è buona l'accoglienza e meglio il vino. E l'han trovato buono, credetemi, quantunque non l'abbiate mai assaggiato. Dopo tutto, o che? dovevano presentarsi al castello a stomaco digiuno, come due pellegrini affamati?

— Che uomini sono? — dimandò il Bardineto, per metter fine a quella

intemerata dell'oste.

— Non lo indovinate?
— Eh, forse; due genovesi, dei soliti, che vengono qua, sotto colore

d'ambasceria, per curiosare, scoprir terreno e macchinar tradimenti in casa nostra.

— Che! — sclamò mastro Bernardo, facendo le cocche colle dita, — Più su

sta monna Luna!