Pagina:Barrili - Castel Gavone.djvu/80

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


s'erano a tutta prima aggrondate; fe' un gesto da fianco per chetare il Picchiasodo, che egli colla coda dell'occhio avea visto dare un sobbalzo in arcione e spronare avanti il cavallo; quindi componendo le labbra ad un risolino tra cortese ed ironico, disse a Giacomo Pico:

— Parlate, messere, quantunque non sia luogo nè momento da ciò; son

tutto orecchi ad udirvi. —

Parlare! era presto detto; ma il farlo non era la più agevole impresa. Il Bardineto ci aveva bensì avuto la forza del primo impeto; ma lì sui due piedi, senza aver meditata la possibilità d'una conversazione tranquilla, tirato in sul falso da quella urbana risposta, non trovò più il filo. E balbettando un poco, e stizzito con sè medesimo di non averci pensato prima, uscì in questa dimanda:

— Come va che tornate via così presto? Il castello non ha avuto potere

di trattenervi? —

Messer Pietro lo guardò stupefatto; ma non uscì di misura.

— Che dite mai? — ripigliò, col medesimo accento di prima. — È luogo

stupendo, il castello, e fo conto di tornarci prestissimo.

— Ah! — sclamò il Bardineto, fremendo di rabbia, — E quando si faranno

le nozze? —

Messer Pietro fu ad un pelo di uscire dai gangheri. Per altro, gli venne il sospetto di aver da fare con un pazzo, e si volse, con aria trasognata, al Picchiasodo. Il suo vecchio compagno rideva.

— Messere, — disse il Picchiasodo, affrettandosi a commentare il suo

riso, — la notizia si è sparsa, non c'è più verso di tenerla celata. L'oste dell'Altino ha cantato. —