Pagina:Barrili - Castel Gavone.djvu/84

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Ah, Giacomo! Giacomo! — gli andava intanto bisbigliando all'orecchio. — L'hai fatta grossa!

— Che! — rispose il Bardineto, crollando superbamente le spalle. — Mi

sfogo, perdio!

— Ma pensa al poi, te ne prego! E che dirà il marchese, quando verrà a

risaperlo?

— Dirà.... dirà quel che gli parrà meglio di dire. Già, sentimi,

Tommaso; o morto io, o morto quest'altro, s'è sciolto finalmente ogni nodo.

— Uhm! Mi pare che tu ne aggiunga, di nodi; e guai se vengono al

pettine.

— Vattene, allora! — ripiccò spazientito il Bardineto.
— Ma.... lasciarti così solo?... Un testimone ti sarà pur

necessario! — entrò a dire accortamente Tommaso.

— Un testimone! E per che farne?
— Eh, quel che si fa d'un testimone, perdiana! Il testimone vede e può

all'occorrenza far fede. Inoltre, la sua presenza può tenere in soggezione gli avversarii. Capisco che non s'ha da appiccar zuffa in quattro, essendo voi due soli alle prese, e che io, pure volendo, non lo potrei, per non tirarmi addosso lo sdegno del castello, a cui non sono in grazia, come tu sai; ma infine, un amico presente....

— Capisco anch'io; non dirmene altro! — interruppe il Bardineto, che

vedeva l'amico inteso a fermar chiaramente i patti della sua accompagnatura all'Altino. — Io non ho bisogno d'aiuto; la quistione è mia, tutta mia; tu non c'entri. E adesso, se ti piace venir testimone allo scontro, fa come t'aggrada; io non ci ho nulla a