Pagina:Barrili - Come un sogno, Milano, Treves, 1889.djvu/123

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 115 —


— Ma senza quelle due valigie alle mani! — notò ella, ridendo.

— Certamente! — risposi, dando a mia volta in uno scoppio di risa.

La gretola era trovata, ed io m’affrettai a farne profitto.

— Vedete; — soggiunsi; — potrei edificarvi un tempio, qui, proprio nel luogo della vostra apparizione, e appendervi sull’altare, a memoria eterna del più felice tra tutti i viaggi che innamorato facesse mai, due valigie d’argento.

— Nostra Signora del buon viaggio! — diss’ella, proseguendo la celia.

— No, del felice arrivo! Se a voi non fosse venuta la buona e misericordiosa ispirazione di scendere, io, ve lo giuro, avrei dato del capo in quei sassi. Ma via, bando alla tristezza, e poichè il tempio è ancora di là da venire, cerchiamo un albergo, una lo-