Pagina:Barrili - Come un sogno, Milano, Treves, 1889.djvu/259

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 251 —


— O che, signora mia? Mi pigliava già forse per un barbaro? Son curioso e impaziente; ecco tutto. Dove giungo, e appena giungo, vo’ veder subito ogni cosa. Questo io lo chiamo: impadronirmi della posizione. E una volta padrone, mi ci adagio, mi ci dilungo a mia posta, divento un uomo ragionevole, posato, come tutti gli altri, mi metto la guida sotto il braccio e ritorno passin passino su tutte le osservazioni che avevo fatte dianzi al galoppo. —

E questo che ho detto della mia prima visita a Roma, mi scusi della furia con cui avevo in quattr’ore corso e ricorso Bologna; città il cui nome altri cava dai Galli Boi, invasori del suo territorio, mentre io lo fo derivare da Bona omnia. Basti, a confermare l’etimologia, che io ci trovai tutto buono.

Al tocco, ero già nella stazione, in attesa della partenza. Avevo fatto una abbon-