Pagina:Barrili - Galatea, Milano, Treves, 1896.djvu/107

Da Wikisource.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca

— 99 —

giante„, e ce n’era d’avanzo. Non bisogna mai scriver nomi di donne; neanche agli amici più intimi. Quello ora s’immagina che io ne sia innamorato.

Innamorato io! io, legno stagionato, navigato, provato ad ogni vento, passato per tutte le acque. Quanti pericoli non ho affrontati, quante Cicladi, quante Sirti, e Sirene cantanti, e Scille latranti e Cariddi voraci! Forse, come il Don Giovanni del Campoamor, sono passato accanto alla felicità senza avvedermene, ed ho lasciato intatto il suggello al dolce bigliettino in cui mi era promessa.

Innamorato io! ma che? mi sento libero il cuore, calmo, tranquillo, sereno lo spirito, senza alcuno di quei turbamenti che accompagnano il nascere d’una passione. Studiamoci su, analizziamo, che è sempre il miglior modo d’intendere; la sintesi è troppo spesso una confusione.

Certo, considerando il primo principio della mia conoscenza colla signorina Wilson, o, per dire più esattamente, del mio pensare a lei, un carattere dell’amore si potrebbe rinvenire; ed è il modo strano del nostro avvi-