Pagina:Barrili - Galatea, Milano, Treves, 1896.djvu/232

Da Wikisource.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca

— 224 —

pure contentarmi. Rideva in sua vece il Cerinelli; oh, come rideva di gusto! Approfittai della ilarità generale, e avendo l’aria di sottrarmi alla gloria del trionfo, andai diritto sul Cerinelli, per dirgli a mezza voce, ma con piglio risoluto:

— Di che cosa ride, Lei?

— Del contadino, che è così buffo. La sua storia mi è piaciuta moltissimo, signor Morelli. Non si poteva con più garbo.... —

Lo lasciai solo a finir la sua frase. Ero cascato male; proprio sul più debole dei tre. Ma non è stata colpa mia, se quello era il più vicino ad Enrico Dal Ciotto, e se per il secondo mi è venuto sott’occhio. Per lui, frattanto, ho perduta l’occasione di guardar la faccia del Martorana.

La contessa Quarneri volle rimetterci tutti in carreggiata, facendomi le sue congratulazioni.

— Sapete ora, — soggiunse, dopo avermi lodato, — che cosa vogliamo da voi, Morelli?

— Comandate, signora.

— Un’ode, — ripigliò, — un’ode sul povero