Pagina:Barrili - Galatea, Milano, Treves, 1896.djvu/267

Da Wikisource.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca

— 259 —

una mezza giornata! Non fu così facile, del resto, dissimulare la bruttezza del pavimento; ma su quello erano tante file di sedie, che quando la gente ebbe preso posto, l’ammattonato scomparve per due terzi della sua superficie; un terzo, nel mezzo della sala, era coperto dal tavolato, messo là per le prove di scherma.

Si fece porta alle dieci del mattino. Avevamo preparato cinquecento biglietti d’ingresso, a cinquanta centesimi l’uno; e s’intende che, salvo i venduti a chi ne faceva richiesta, ce ne spartivamo il grosso tra noi. Una cinquantina erano già necessarii per noi villeggianti e per la gente di casa; un centinaio furono presi dai naturali di Corsenna; il resto fu distribuito da noi, all’ultim’ora, e gratis, per fare una piena spettacolosa. I Corsennati, che stavano per istrada a guardare verso l’uscio della filanda, gradirono assai quest’atto di generosità; forse lo avrebbero gradito, mezz’ora prima, anche quelli che erano dentro, e che avevano dovuto pagare il biglietto, la più parte per onor della firma.