Pagina:Barrili - Galatea, Milano, Treves, 1896.djvu/317

Da Wikisource.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca

— 309 —

che io viva, fino a tanto che io possa far riconoscere l’autenticità de’ miei atti. Pel tuo meglio, va, e non se ne parli più.

“Ho fatto un sogno; che tu iersera avessi parlato per celia. Brutta celia, in verità, e che mi ha fatto perdere quel po’ di cervello che ancora mi rimaneva. Ma se è così, vieni a dirmelo, e mi parrà di rinascere. Se non puoi darmi questa notizia consolante, se metti il tuo amor proprio in luogo dell’antica amicizia, sai quello che ti resta a fare. Io sarò a tua disposizione. E bada, non per giuocare il possesso di una bella mano su d’un colpo di spada o di pistola. Questo io l’ho fatto una volta sola in vita mia; ma non per la donna, che, poveraccia, poteva forse valere di più, come di meno, ma per la mia dignità, che doveva e voleva avere il di sopra. Qui non mi giuoco nulla, perchè è la mia passione in causa; fino all’ultimo soffio di vita difenderò quello che mi appartiene.

“Pensaci. Se ami quella donna come l’amo io, son sicuro di quello che avverrà. Se non