Pagina:Barrili - I rossi e i neri Vol.2, Milano, Treves, 1906.djvu/224

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


flemmatico come sono, ce ne ho avuto il mio quarto d’ora. Ma adesso io non v’intendo più. Che cosa sono queste smanie? O che, facevate forse il conto di non essere pagato?

- Sicuramente! - gridò il Collini, piantandosi sui due piedi in faccia al collega, che rimase con tanto d’occhi a guardarlo. - Allorquando voi altri non volevate scontar le cambiali senza aver prima riconosciuta la firma di Luciano Marsigli, non vi avevo io detto....

- Sì, lo ricordo benissimo; - interruppe il Salati. - Ci avete detto che non occorreva; che anzi avevate il dubbio che la firma del Marsigli non fosse autentica, ma che a voi non importava nulla, poichè c’era la firma del marchese di Montalto. E poichè ci vedeste nicchiare, avete aggiunto: scontiamo le cambiali; se ci sarà da perdere, mettete la somma a mio debito. Vedevate più lontano di noi, e il banco vi ha molta gratitudine. Che colpo d’occhio, Collini! Con voi faremo miracoli; ancora due anni di buon incontro come questo, e potremo metterci nell’alte imprese bancarie.

- Ma non intendete voi che io le volevo perdere, quelle sessantamila lire?

- Perderle? e perchè?

- Il perchè lo so io. E adesso, la vendetta m’è sfuggita di mano, e quel burbanzoso ha cansata la galera.

- Capisco, - disse il Salati, - che se le centomila lire non c’erano, egli ci passava rasente. Ma alla fin fine, meglio così; l’amico si è mostrato buon pagatore.

- Non dicevate così, per lo innanzi!

- E mi disdico; l’ho oramai per un uomo a modo. Se càpita un’altra volta a chiedere una somma ad imprestito, poniamo anco diecimila lire, gliele dò di mio capo, al medesimo interesse. Credete a me, Collini, - soggiunse l’ometto rubicondo e paffuto, - la vendetta è una vivanda saporita; ma i denari son più gustosi ancora. Io so bene; ricordo quella vostra rabbia dell’inverno passato; ma, in fede mia, vi credevo più sano di mente. Quando egli ha dato nella ragna, e voi ci avete proposto di sbocconcellarcelo in compagnia, ho detto tra me: il Collini è un filosofo che capisce il suo tempo. Difatti, non si ammazza più nessuno, oggidì; le vendette rumorose non sono più in voga. Questi giovinotti inesperti hanno la spada in pugno; noi le loro cambiali in tasca. Questa è la vera botta dritta, che va al cuore, ma passando per la via della borsa. Credete a me, Collini; il denaro del nemico ha più sapore che non il suo sangue. Pigliate i denari al nemico, ed è un uomo spacciato. Ve