Pagina:Barrili - I rossi e i neri Vol.2, Milano, Treves, 1906.djvu/305

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


voi, il mio cuore si spezza;» lo avrei potuto, perchè lo pensavo allora, e così fu veramente. Ma non lo feci; una frase come quella sarebbe stata una inutile crudeltà, una codarda vendetta, la frecciata del Parto fuggente. Non lo feci, dico; tacqui e partii; quel giorno io l’avevo veduta per l’ultima volta, quella luce dell’anima mia. Salutai nuovi cieli; le tenebre mi seguirono dappertutto.

- Nobile cuore! - esclamò Aloise, stringendogli affettuosamente le mani. - E mio pa.... (voleva dire mio padre, ma si rattenne) e il marchese di Montalto non seppe di quel dialogo?

- Lo seppe da vostra madre, che non aveva segreti per lui. Egli cercò sdegnato di me. Non conoscendomi, egli aveva ragione; io m’ero introdotto, straniero, non chiesto, in sua casa. Il prode gentiluomo volle lavar l’ingiuria nel sangue, e mi seguì in Isvizzera, dove tranquillamente fu meditata e condotta tra noi due una sciocca contesa, che ci offrisse un ragionevole pretesto di scendere sul terreno. Io finsi, per non dar sospetti ai testimoni, di aggiustar la mira su lui; ma il colpo, come volevo, andò in alto. Egli a sua volta appuntò la pistola; io gli offrivo il petto scoperto; la palla mi penetrò qui - (ed accennava il sommo del petto) - ed uscì fuori dall’omero. Caddi, nè più lo vidi, o seppi di lui. Stetti un mese tra morte e vita, ma risanai; la morte non mi voleva.... Morire allora per le mie mani?... Il pensiero m’era balenato alla mente, ma non mi diè l’animo di mandarlo ad effetto. Come avrei io potuto dipartirmi al tutto da lei, abbandonare la terra che l’accoglieva vivente? Che avrebbe fatto il mio spirito, lontano da lei? C’era egli, non pure allegrezza di beati, ma riposo, ma sonno, dove ella non fosse? Queste parranno sottigliezze a voi, ma non sono, e certo non mi parvero tali. Parlavate d’amore disperato, Aloise!... Eccovi il mio. Soffrir mille morti e non morire, nutrirmi d’ira, di gelosia, com’altri di felicità, e vivere in apparenza tranquillo, coll’inferno nell’anima; avermi fatte, in mezzo alla moltitudine, le usanze, le consuetudini del deserto; sentirmi il cuore riboccante d’affetti, e condannarmi ad una eterna vedovanza; desiderare ardentemente una vana immagine di donna, e rifuggire infastidito da quante, vive e palpitanti, si profferivano a me; sospirare il cielo e struggermi alla sua vista come la Peri sulla soglia vietata del paradiso; questa fu la mia vita. E sono venticinque anni oramai, m’intendete voi. Aloise? ch’io vivo di questa agonìa. Questo amore, che io ho chiuso, suggellato qui dentro, è