Pagina:Barrili - L'olmo e l'edera, vol. 1.djvu/53

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 49 —

zione delle sue ricordanze giovanili. Poi, come avviene per simiglianti immagini del passato che fanno insieme tenerezza e sgomento, si sentì sopraffatto, e si fe’ scorrere una mano sul fronte, quasi sperasse in tal modo dileguar dalla mente la diletta visione. Si provò a ripigliar l’Eneide e proseguir la lettura; ma il primo emistichio che gli cadde sott’occhi «Et vera incessu patuit Dea» non fece altro che richiamarlo all’argomento della sua contemplazione, e ricondurgli lo sguardo sotto quell’albero di pino.

La dea era pur sempre colà, innanzi agli occhi suoi, dea al volto, al portamento, all’incesso. Ella era tuttavia sotto l’ombrello del pino, ma veniva lentamente in su pel sentiero sabbioso, la testa un tal po’ reclinata sull’omero, come persona stanca, una mano al seno sui capi dello scialle, che senza quel ritegno sarebbe caduto, mentre l’altra, che si potea scorgere da lontano bianca e sottile, penzolava mollemente lungo le pieghe della veste fluente.

Non era quella un’illusione per fermo. Il giovine meravigliato richiuse sull’indice le pagine aperte del libro e rimase intento a guardare la bianca apparizione. Per la