Pagina:Barrili - L'olmo e l'edera, vol. 1.djvu/62

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 58 —

quello che si rallegrò nella mente sua, quando il capo di casa trovò chiuso il teatro.

Laurenti se n’andò dunque girelloni per la città, ma con una spasimata voglia di salire. E fu di tal guisa condotto per una strada larga, nella quale non si vedeva anima viva, e che egli per conseguenza potè popolare di morti a sua posta, vo’ dire delle sue ricordanze giovanili, delle care imagini de’ suoi parenti, e perfino de’ suoi compagni di scuola, allorquando pigliava i primi granchi nel mare del sapere, chiamando le lettere dell’alfabeto con nome sempre diverso da quello che avevano avuto, dai Pelasgi fino al tempo presente.

Erano, in fin dei conti, innocentissime meditazioni, e non c’era nulla a ridire. Ma chi avesse potuto (come fa il lettore dietro la scorta di un minuto racconto) notare le speculazioni di Laurenti dal ciglio del muraglione, e scorgere nel suo soliloquio accanto al cembalo il germe di una simpatia per la signora della palazzina gialla, avrebbe anche notato che quella strada nella quale era ito a meditare, andava per l’appunto a far capo, indovinate dove! alla palazzina gialla.

Per la chiusa del primo giorno, non c’era male davvero!