Pagina:Barrili - L'olmo e l'edera, vol. 2.djvu/158

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 156 —

— Ah, ora che ci penso...... ma in verità non ardisco parlarne...... Si figuri Vossignoria che ho fatto la più grande bestialità del mondo, e bisogna che Ella me la perdoni.

— Che cosa? — gridò Laurenti turbato.

— Vede? Vossignoria si riscalda già il sangue.

— Ma che cosa, in nome di Dio, che cosa? — incalzò Guido spazientito, il quale indovinava che nell’errore del Giacomo si trattava della donna gentile.

— Vossignoria mi perdonerà? ripetè il Giacomo.

— Sì, sì, vi perdono. La fatalità mi perseguita, ed io non darò cagione a voi dei colpi ch’ella mi avventa. Suvvia, dite, che cosa avete fatto di male?...

— Ecco! avevo una lettera fin da ieri mattina, per consegnarla a Vossignoria; ma Ella è stata sempre fuori; alla sera poi tutti que’ bravi signori, amici di Vossignoria, mi hanno fatto alzare il gomito un po’ troppo. Lo sciampagna non è acqua.... ed io, oltre a quello che mi mettevano nel bicchiere, ho trincato anche quello che Vossignoria non voleva mai bere.

— Giacomo, non mi tenete in aria coi vostri racconti! Quella lettera.....

— L’ho giù nel camerino, e se Vossignoria la vuole.

— Se la voglio! Andate, correte a pigliarla!

L’accento di Guido era cosiffattamente imperativo, che il Giacomo no istette a