Pagina:Barrili - La legge Oppia, Genova, Andrea Moretti, 1873.djvu/54

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
50 la legge oppia

Plauto

E grandemente ami. Fai tutto alla grande.

Valerio

Io amo? E chi, di grazia?

Plauto

Tale che non è lungi di qua. Non ho i più bei piedi, ma ho i due migliori occhi di Roma.

Valerio

Ed infatti tu hai veduto in me ciò che io non vedo, nè so.

Plauto

Saresti tu l’ultimo a conoscer te stesso? Non mi farebbe meraviglia. L’uomo, sia detto sui generali, è il meno sagace degli animali.

Valerio

Di’ pure il più stupido! Io stavo per l’appunto dicendolo a me stesso, quando tu sei entrato. Ma, poichè vuoi farmi innamorato per forza, che pensi tu della donna!

Plauto

Dei buoni! io non potrei parlartene che per mia esperienza.

Valerio

E quale è stata la tua esperienza?

Plauto

Grama assai, Lucio Valerio; oh, grama assai! amavo una.... Tra parentesi, non ne ho amato