Pagina:Barrili - La legge Oppia, Genova, Andrea Moretti, 1873.djvu/9

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search



A Edmondo De Amicis,


A te, che hai veduto nella mia Legge Oppia alcun che di buono, a te, che hai cuore pari allo ingegno, a te, che io amo sopra tutti i miei fratelli nell’arte, è dedicata l’opera mia.

Certo, avrei dovuto intitolarti una cosa migliore. Senonchè, ad aspettare che l’ingegno mio dèsse frutto veramente degno di te, avrei dovuto durarla di troppo, e questa pubblica testimonianza di affetto sarebbe stata anco rimandata «al limitar di Dite». Abbiti dunque, lontano amico, questa mia Legge Oppia, e falle il buon viso, che solevi fare al tuo

Di Genova, il 21 dicembre del 1872.


ANTON GIULIO BARRILI.