Pagina:Basile - Lu cunto de li cunti, Vol.I.djvu/233

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

ntroduzzione 19

Per la quale cosa, devo scusare moglierema, se l’è schiaffato ncapo st’omore malanconeco de sentire cunte. Però, se ve piace de dare mbrocca a lo sfiolo de la prencepessa mia e de cogliere miezo a le voglie meje, sarrite contente pe sti quattro o cinque juorne, che starà a scarrecare la panza, de contare ogne jornata no cunto peduno de chille appunto, che soleno dire le vecchie pe trattenemiento de peccerille, trovannove sempre a sto luoco stisso. Dove, dapò avere ngorfuto1, se darrà prenzipio a chiacchiarare, termenannose la jornata co quarche egroca, che se recetarrà da li medeseme sfrattapanelle2 nuestre, pe passare allegramente la vita, e tristo chi more!» A ste parole azzettaro tutte co la capo lo commannamiento de Tadeo; fra tanto, poste le tavole, e venuto lo mazzecatorio, se mesero a magnare; e, fornuto de gliottere3, fece lo prencepe signale a Zeza scioffata, che desse fuoco a lo piezzo; la quale, fatto na granne ncrinata a lo prencepe e a la mogliere, cossi commenzaje a parlare.



  1. Trangugiato, mangiato.
  2. Servitori di casa.
  3. Ingoiare