Pagina:Battisti, campagna autonomistica, 1901.djvu/10

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search










L’azione dei socialisti trentini in favore dell’autonomia del Trentino risale alle fedi di nascita del partito stesso. Alle origini e al suo sviluppo bisogna accennare rapidamente per narrare quale fu la campagna autonomistica dei socialisti dal 1895 ad oggi. Nel suo primo documento, nel primo atto dichiarante la propria esistenza, il partito socialista trentino affrontò il problema dell’autonomia e della stessa si dichiarò senza reticenze fautore e sostenitore.

Il 2 Febbraio 1895 usciva a Trento il primo ed anche ultimo numero del primo giornale trentino di propaganda socialista col nome di «Rivista popolare trentina». Primo ed ultimo perchè quella nostra rivista non morì, ma abortì.

Il primo fascicolo fu confiscato da capo a fondò e il ristretto manipolo d’operai e di studiosi, che l’avea lanciato, di fronte agli ostacoli frapposti dalla polizia dovette ritirarsi. D’altronde le classi lavoratrici dormivano allora della grossa e il tentativo era opera di pochi neofiti. Di quella rivista molti di noi non ebbero il piacere di vedere nemmeno una copia, tale fu il rigore della confisca, ma tutti ricordiamo di essa il programma — a base se si vuole di latte e miele — riportato da altri giornali e in vari modi diffuso.