Pagina:Beccaria - Dei delitti e delle pene, 1780.djvu/134

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
100 Dei Delitti

mente a stringer sempre più l’importante connessione tra il misfatto e la pena; cioè, che questa sia conforme quanto più si possa alla natura del delitto. Questa analogìa facilita mirabilmente il contrasto che deve essere tra la spinta al delitto, e la ripercussione della pena, cioè che questa allontani e conduca l’animo ad un fine opposto di quello per dove cerca d’incaminarlo la seducente idea della infrazione della legge.

Sogliono i rei di delitti più leggeri esser puniti, o nella oscurità di una prigione, o mandati a dar esempio, con una lontana e però quasi inutile schiavitù, a nazioni che non hanno offeso. Se gli uomini non s’inducono in un momento a commettere i più gravi delitti, la pubblica pena di un gran misfatto sarà considerata dalla maggior parte come straniera, ed impossibile ad accaderle; ma la pubblica pena dei delitti più leggeri, ed a’quali l’animo è più vicino, farà una impressione che, distoglien-