Pagina:Beccaria - Dei delitti e delle pene, 1780.djvu/152

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
118 Dei Delitti

che è la base della giustizia umana. I secondi sono rapporti d’indipendenza da un essere perfetto e creatore, che si è riserbato a se solo il diritto di essere legislatore e giudice nel medesimo tempo, perchè egli solo può esserlo senza inconveniente. Se ha stabilito pene eterne a chi disobbedisce alla sua onnipotenza, qual sarà l’insetto, che oserà supplire alla divina giustizia, che vorrà vendicare l'essere che basta a se stesso, che non può ricevere dagli oggetti impressione alcuna di piacere o di dolore, e che solo tra tutti gli esseri agisce senza reazione? La gravezza del peccato dipende dalla imperscrutabile malizia del cuore. Questa da esseri finiti non può senza rivelazione sapersi. Come dunque da questa si prenderà norma per punire i delitti? Potrebbono in questo caso gli uomini punire quando Iddio perdona, e perdonare quando Iddio punisce, Se gli uomini possono essere in contraddizione coll’onnipossente nell’offen-