Pagina:Beccaria - Dei delitti e delle pene, 1780.djvu/62

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
28 Dei Delitti

sentimento, che la scienza che giudica per opinione. Dove le leggi sieno chiare e precise, l’officio di un giudice non consiste in altro che di accertare un fatto. Se nel cercare le prove di un delitto richiedesi abilità e destrezza, se nel presentarne il resultato è necessario chiarezza e precisione, per giudicarne dal risultato medesimo, non vi si richiede che un semplice ed ordinario buon senso; meno fallace che il sapere di un giudice assuefatto a voler trovar rei, e che tutto riduce ad un sistema fattizio adottato da’ suoi studj. Felice quella nazione dove le leggi non fossero una scienza! Ella è utilissima legge quella che ogni uomo sia giudicato dai suoi pari: perchè dove si tratta della libertà e della fortuna di un cittadino, debbono tacere quei sentimenti che inspira la disuguaglianza e quella superiorità con cui l'uomo fortunato guarda l’infelice, e quello sdegno con cui l’inferiore guarda il superiore, non possono agire in questo giudizio. Ma quando il delitto