Pagina:Bellamy - L'avvenire, 1891.djvu/126

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
124

vostro sistema, non giungerei a rispondere a questa loro domanda, sicchè essi, — che erano maestri nell’arte del calcolo — mi risponderebbero che io ho sognato e ricuserebbero di credermi.

So che se, al tempo mio, si avessero voluto ripartire ugualmente gl’introiti annui dello stato, una tal divisione non avrebbe dato, ad ogni uomo, più di tre o quattrocento dollari; somma che appena sarebbe bastata a procacciarsi le cose più necessarie alla vita, con pochissimo od anche nessun lusso. Come va che ora possedete tanto?»

«Questa sarebbe una domanda giustissima, signor West,» soggiunse il dottor Leete, «e non disapproverei i vostri amici se non volessero prestar fede ai vostri racconti. Non posso soddisfarvi interamente e, qualora accadesse il caso di cui parlate, vi proporrei di rispondere ai vostri compagni, di consultare, circa la statistica, alcuni libri che si trovano nella mia biblioteca. Cominceremo a parlare di una quantità di piccole cose nelle quali, a paragone di voi, facciamo grandi economie. Noi non abbiamo debiti nazionali, governativi o comunali da pagare, non abbiamo da far spese per mantenere una flotta, un esercito, una milizia; non abbiamo impiegati doganali, nè gabellieri. Per quanto riguarda il personale di giustizia, di polizia, o delle carceri, il numero d’impiegati che occorreva allora al solo Massachusetts, basta ora per tutta la nazione. Non abbiamo malfattori che, come quelli dei vostri tempi, rubino ciò che appartiene alla società; e il numero di tutti gli inabili al lavoro che vivevano un tempo alle spalle del resto della società, è oggi, in grazia dello stato di salute e di comodità in cui ognuno vive, singolarmente diminuito e tende a scomparire ognor più.

Un’altra ragione d’economia è la mancanza di danaro e per conseguenza, l’assenza di tutte quelle occupazioni che non potevano andar disgiunte dalle operazioni finanziarie e per le quali occorreva impiegare tutto un esercito di uomini. Riflettete inoltre che tutte quelle spese fatte dai ricchi, per procurarsi un lusso superfluo, non ha più ragione d’essere; riflettete pure che oggi non vi sono più fannulloni, siano essi ricchi o poveri.