Pagina:Beltrami - Bramante poeta.djvu/43

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search



     Andando hier a veder certe mie frasche
Venni quasi cristallo a mezza via
14Sì di Medusa me turbar le masche.

     Vesconte non te casche
Questo da core, ma fa ch'io n'abbia un scudo
17Tal ch'io non giostri più con Borrea ignudo.

     E se poi per te sudo
Il mio sudor verrà dela tue pelle
20Ma non scoter però la sete a quelle.