Pagina:Bergamo e sue valli, Brescia e sue valli, Lago d'Iseo, Valcamonica.djvu/101

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 99 — Cap.X―1

La tramvia passa poi per: S. Martino Erbanno, che serve il comune di

Erbanno (290 m.; 900 ab.) al quale si sale in pochi minuti. Sopra di esso sonvi avanzi di rocca dei Federici. La parrocchiale possiede pregievoli affreschi attribuiti a Calisto da Lodi e la chiesa di S. Maria al Restello, altri del Romanino.

16 km. Pian di Borno, frazione del comune di Borno.

Dopo 2 km. circa vedesi a d. il bel ponte sull’Oglio che metto ad Esine (v. più avanti, n. 2) e poco dopo alla s. una mulattiera che sale a Borno ed a Ossimo.

22 km. Cividate, ultima stazione della tramvia e riunita alla strada da un ponte in pietra. Cividate fu già culla della civiltà camuna. Scavi eseguiti mostrarono tracce di acquedotto e di teatro e si rinvennero pure parecchie lapidi dell’epoca romana.

Dopo Cividate, la strada, superata una stretta gola, arriva

25 km. Breno, (340 m.; 3400 ab.), capoluogo della valle e località molto raccomandata per soggiorno estivo, — Possiede un piccolo teatro, musica comunale, ed un Casino.

A visitarsi: gli avanzi del castello (rivolgersi al Municipio) e la chiesa al ponte della Madonna, sotto il paese verso Cividate, che dicesi eretta sopra un antico tempio pagano ed ha colonne antiche di quarzo.

La parrocchiale contiene due quadri attribuiti a Calisto da Lodi (Addolorata e S. Giovanni Evangelista) ed affreschi del pittore Guadagnini di Esine. — La chiesetta di S. Valentino ha tavola dell’altar maggiore in legno del Giambellino. — La vecchia chiesa di S. Antonio in Piazza ha affreschi del Romanino, ed una bella porta d’ingresso con fregi antichi.

Passeggiate ed escursioni:

1. a Vilminore e Schilpario in Val di Scalve:

a) per il colle del Giovetto (1272 m.) vedi itinerario in senso inverso cap. VIII.

b) per il colle di Ezendola (1973 m.), vedi itinerario in senso inverso cap. VIII.

c) per il passo di Campelli (1892 m.), vedi itinerario in senso inverso cap. VIII.

2. a Bagolino e Collio, per il passo di Croce Domini (1893 m.). Si segue la mulattiera Pescarzo-Astrio, ove si arriva pure da Dienno-Prestinè. In 2 ore circa si arriva all’osteria di Campolaro (1443 m.), oltre la quale trovasi il confluente della valle che scende dal monte Frerone con quella che viene da Croce Domini. Si passa la prima e si va fino al piccolo ponte che attraversa la seconda, che però non si passa; si prende il sentiero che sale sulla destra ed in 1 ora 30 circa si arriva a Croce Domini. Di là a Bagolino 5 ore e da Bagolino si va in 2 ore al Passo di Ma-