Pagina:Bergamo e sue valli, Brescia e sue valli, Lago d'Iseo, Valcamonica.djvu/95

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

― 93 ― Cap.IX―1

L’interno è recente: gli affreschi della callotta e della cupola sono del Teosa e gli altri dell’Inganni. Possiede due tele: S. Michele dell’Hayer e S. Pietro del Diotti. La statua di S. Virgilio è del Franceschetti.

Passeggiate ed escursioni:

a Pilzone, lungo la riviera, piccolo comune dove sono le cave per la calce di Palazzolo.

Alla Buca del Quai, (1/2 ora) caverna ossifera interessantissima: il tratto ora accessibile è di circa 200 metri nell’interno del monte. È presso la frazione di Covelo. Sopra la buca si vedono avanzi d’un fortilizio.

A Clusane (45 minuti, v. Predore), ed a Timoline (40 minuti), passando per la frazione di Creminiane.

A Provaglio d’Iseo (ab. 1420), staz. ferroviaria, a piedi 3/4 d’ora. Chiesa e antico convento detto il Monastero. Sulla via per Provaglio al casello della polvere si stacca a sinistra una stradetta che porta alla Madonna del Corno (426 m.s.m.) e di là si può scendere a Provaglio e tornare a Iseo per la provinciale o in ferrovia.

Belle sono pure le passeggiate per il monte d’Iseo: Invino è il luogo più bello del monte. Lungo la cresta sono distese parecchie uccellande. Proseguendo, la strada continua per Polaveno, e di là scende al ponte Zanano presso Gardone in Valtrompia. La escursione Iseo-Polaveno-Valtrompia-Brescia-Iseo è delle più raccomandabili.

Sulzano (900 ab.) in una delle migliori posizioni e più ricercate dai villeggianti.

Passeggiate ed escursioni:

Alla Sorgente di S. Caterina, ove si giunge in pochi minuti per correndo una valletta ombreggiata.

Al Santuario di S. Fermo (da non confondersi con quello dei Colli; 20 min. di salita) posizione dominante quasi tutto il lago, dal Bogn di Riva fino a Iseo e Sarnico con 12 e più paesi.

Alla cascata dei Petoi, presso S. Fermo; è alta circa 15 metri e cade fra dirupi che formano un orrido stupendo; è visitata di preferenza nelle ore calde della giornata.

A Tassano e Martignago, donde si può proseguire fino alle stazioni di Sale.

A cavaliere d’un colle, tra la vallata del Sebino e la Val Trompia spicca il Santuario di S. Maria a cui si giunge in circa due ore passando per l’altipiano di Nestitino. Da S. Maria si scende a Gardone di Val Trompia, e si può tornare a Sulzano col tram Gardone-Brescia, ferrovia Brescia-Iseo, piroscafo Iseo-Sulzano.

Monte Isola. Ha sette km. di circuito, e la sua cima occupata dal Santuario della Madonna della Seggiola si raggiunge in meno d’un’ora. Di là si gode forse il più bel colpo d’occhio di tutto il lago.

Peschiera Maraglio, uno dei due comuni dell’Isola conta 282 abitanti, quasi tutti pescatori.

Passeggiate ed escursioni:

Da Peschiera a Sensole. È un sentiero che serpeggia fra gli ulivi lungo il lembo meridionale dell’isola.

Salendo da Sensole per una strada mulattiera si giunge in pochi minuti a Minzino frazione di Siviano, dove, con alcuni soldi di mancia, un contadino vi porta un ordigno per dare la scalata alla

Rocca Martinengo. Il maschio rotondo in mezzo è più antico, le mura intorno e le aperture sono dell’epoca spagnola; sull’arco