Pagina:Bettinelli - Opere edite e inedite, Tomo 11, 1800.djvu/233

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

sopra le Lett. e l’Arti Mod. 229

drea di Formigine tanto pregiato in Bologna e quel Barozzi tanto in Italia, ed in Roma, e in tutte l’età venerando al par de’ Palladi immortali, e de’ Michelagnoli! E ad ornar l’edifizio di statue, e di busti, oltre a due Begarelli zio, e nipote, risorgerà Modanino1 medesimo nelle due figlie, e Properzia de’ Rossi scultrice ancor vive, io penso, perchè al disegno non manchino le sue muse.

Ma troppo tempo a finir ci vorrebbe la fabbrica; e vuol fluirsi trattanto la cena, e dar tregua, e riposo più a voi troppo sazj, che a’ convitati ancor forse digiuni. Modenesi pregiati, a voi oggi non mancano prelati illustri, non chiarissimi mecenati, e il Principe stesso n’è il primo; gl’ingegni felici in tutte le facoltà soprabbondano, Modena sorge dallo squallore; un Ginnasio si crea; ah miei modenesi, vogliate, e non dovrete invidiare le cene, e i convivi del cinquecento.


NO

  1. Fu veramente Bolognese.