Pagina:Bettinelli - Opere edite e inedite, Tomo 12, 1800.djvu/36

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
32 Lettere

morto la verità non udite da chi la sperate oggimai? Qui non giunge l’adulazione, o la gloria de’ titoli, nè privilegio, o mercede, o diploma vi chieggo. Voi sedete legislatori, e giudici in un tribunale supremo di poesia; voi mandate colonie poetiche in ogni terra italiana; voi date poetica cittadinanza perfino ai re dell’Europa, e alle nazioni straniere, e in ciò sembrate antichi romani: dee dunque piacervi il mio zelo. Che se alcuno se ne dorrà, e leverà la voce contro di me, ricordisi almeno, che parla a un morto.





LETTERA SECONDA

AGLI ARCADI.


UN’anima delle più temerarie1, che mai poeta, o verseggiatore ispirasse, scese

  1. Signor Pascali poeta di qualche merito, e noto in Mantova agli anni 1754. circa; era uffiziale nelle truppe austriache.