Pagina:Bettinelli - Opere edite e inedite, Tomo 7, 1799.djvu/15

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

11

INTRODUZIONE

SOPRA

LO STUDIO DELLA STORIA.


Chiunque parla di lettere, e di scienze non lascia mai di parlar della storia, siccome di cosa utilissima, e da tenersi in gran pregio; ma chiunque parla della storia non lascia di porla sopra tutte le arti, e le scienze umane secondo quel costume propagato tra gli uomini di magnificare la cosa, che trattano, deprimendone cgni altra. Il vero è, che la storia ha molti pregi, e può recare moltissima utilità, se debitamente se ne conosca il valor vero; sicchè quando vediamo, che per l’ordinario ella riesce inutile, e senza pregio, dobbiamo incolparne coloro, che a legger si fanno le storie, e molto più a scriverle.

Perchè ho pensato, amico carissimo, di soddisfare al desiderio vostro, e all’amicizia, quelle cose mostrandovi brevemente, che ponno la storia rendere fruttuosa; piacendo-