Pagina:Bettinelli - Opere edite e inedite, Tomo 7, 1799.djvu/37

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search



33

33

glio ho creduto potere in ciò adoperarmi, quanto col presentar loro queilo specchio fedele de’ tempi andati, nel qual ravvisando in un colpo gli antichi mali della lor patria, o maggiori d’ assai, o sempre egualmente distribuiti ne’ popoli, e nell’età, vengano a giudicare più giustamente col paragone, ed a togliersi i pregiudizi, secondo i quali fanciullescamente decidesi e alla ventura di tutte le cose, e si crede al solo amor proprio per incolpare a torto i contemporanei a fronte de’ precedenti sempre migliori, e perfetti, come se noi fossimo privilegiati, il tempo nostro dovesse più rispettarsi, e fosse obbligato il secolo ad esser quello dell’oro, che mai non fu. Se un disinganno sì necessario può propagarsi alcun poco tra noi, sarà uà gran dono di filosofìa, e sarà frutto eccellente di storia, l’ uffizio di cui principale si è disingannar dagli errori, ed insegnare la paziente moderazione delle passioni, cioè la virtù più necessaria alla vita. A questo scopo mira la storia presente, e mirò sempre il mio studio. Per questo ho scelta la storia, italiana, perchè intima a noi j ho ptefe-, Tomo VII, C riti