Pagina:Bettini - Guida di Castiglione dei Pepoli, Prato, Vestri, 1909.djvu/165

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 133 —

che avea impresso in lui sì vasta orma del suo spirito creatore, in Firenze, il 20 Gennaio 1850.

Non mi trattengo a parlare di chi scolpì la Fiducia in Dio, la Carità, il Machiavelli,... Tanto nomini nullum par elogium!

Sulla facciata della casa paterna del Grande, vediamo una tavola di bronzo in cui si legge la seguente epigrafe dettata da quell’insigne letterato, che fu Cesare Guasti.

In questa casa dei Bartolini

Visse fanciullo Lorenzo

Che rese alla Statuaria

L’efficacia del vero

La grazia del Bello

Chiedendo al cuore l’Idea

Alla natura le Forme


Nel Luglio del 1887

Gli Alpinisti ponevano.


Le ceneri dell’illustre che, con pochissimi mezzi, seppe sorgere a tanta altezza, riposano nella Cappella dei Pittori, alla SS. Annunziata, nella tomba stessa di Benvenuto Cellini. Coincidenza singolare!

Merita di esser visitata la Badia, fondata circa la