Pagina:Bini - Scritti editi e postumi.djvu/383

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Leicester

(nella più veemente agitazione tenta di menar via Elisabetta).

Non dare orecchio alla forsennata! Fuori, fuori di questo luogo malaugurato!

Maria

Il trono d’Inghilterra è da una bastarda profanato: – il nobile Popolo Brittanno è da una scaltrita giocolatrice ingannato. Se il Dritto regnasse, or voi sareste nella polvere dinnanzi a me, perchè io sono la vostra regina.

(Elisabetta parte rapidamente; i Lordi la seguitano nella più alta confusione).


― 18...? ―


(1) Collazionata questa Traduzione con quella di Pompeo Ferrario, meritamente tenuta in gran pregio, ci parve di riscontrar nella prima maggior grazia e spontaneità di stile, sebbene qua e là in esse s’incontri identità quasi assoluta di frasi e di periodi. E fummo lieti di trovare nella Traduzione del Bini espresso con fedeltà ed evidenza questo concetto, che nell'altra non ci riusciva d’intendere.
Il Ferrario traduce: «E tu, cui l’incantato basilisco diede lo sguardo di morte, poni sulla mia bocca l’avvelenata saetta». — Vedi Teatro scelto di Schiller, trad. da P. Ferrario; vol. II, pag. 125, - Mil. 1819.