Pagina:Biografie dei consiglieri comunali di Roma.djvu/287

Da Wikisource.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca

biografie dei consiglieri provinciali di roma



CAPRI AVV. ALESSANDRO


Consigliere Provinciale





RR

oma ha tale una luce nel mondo, tale un fascino di grandezza e di revereuza, tale un suono nell’auima, che ben ti rivela esser questa la terra dei grandi destini, esser qui la sede della sapienza civile e politica, esser questo il suolo sacro agli eroi, esser dessa la città eterna, d’onde il sole della civiltà e del progresso dovrà diffondere sulle libere genti il raggio divino dell’amore o della felicità; — è da Roma che sarà bandita la parola fecondatrice del bello, del buono, del grande — la parola della scienza antica e nuova; è da Roma che tutte le altre città d’Italia apprenderanno come debbono sostenersi le civili istituzioni, come il fuoco sacro della cara libertà debba alimentarsi, come gli uomini che vennero in distinti uffici e in alte dignità sanno adempiere al loro mandato, e insegnare in qual modo le pubbliche amministrazioni possano condursi in florido prosperamento e il bene privato e l’utilità comune derivarne, si è da Roma che la pubblica e privata fortuna dovrà discendere su tutta la nazione. E in tanta luce di secolo noi crediamo obbligo dello scrittore consegnare nel cospetto dei tempi, alle cronache cittadine, coloro, che meritarono l’onore di alcun pubblico grado, e sopratutto queglino, che, sedendo al consiglio della Romana Provincia, quella amministrazione seppero felicemente condurre, per modo che può segnalarsi siccome modello delle amministrazioni, nè cesseremo dal ripetere che se pari ad essa