Pagina:Bisi Albini - Donnina forte, Milano, Carrara, 1879.djvu/16

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 14 —


L’altro giorno donna Giulia **** mi domandò:

— «Ma è vero che lei vuoi far la letterata?

— «Oh, no: scrivo e vorrei pubblicare».

— «È la stessa cosa» mi rispose piccata.

— «Non mi pare».

Ella insistè, con gran dispetto di mia zia.

— «Pubblicherà con un pseudonimo».

— «Perché? crede che ella mi faccia paura il pubblico?» risposi ridendo. Le maschere non mi piacciono».

— «Ma certe critiche sono così pettegole e villane qualche volta!»

— «Naturalmente» — lo risposi — «che chi pubblica dev’essere preparato a tutto. Del resto, guardi: io sono del parere che bisogna leggerle tutte le critiche: e tenersele sul tavolino anche quelle che ci hanno fatto male e ci hanno offeso. Io ho osservato che, per esempio, certe persone di servizio, senza educazione, e che non sanno fingere nè adulare, dicono alle padrone molte verità... che noi si piglia per insolenze: ...Sa del resto che è il mio modo di pensare: meglio una verità cruda che una menzogna... stavo per dire cotta! scusi: volevo dire gentile».

Capii che ne rimasero scandolezzate; ma donna Giulia mi disse con quel suo sorriso graziosissimo ma punto intelligente:

«Cara signorina, lei ha delle idee emancipatrici...»