Pagina:Bisi Albini - Donnina forte, Milano, Carrara, 1879.djvu/27

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 25 —


Lasciami andare a farle una visitina, babbo! appena un momento!» Sentii un mormorio di disapprovazione.

Alzai la testa: non ci avevo più pensato che c'era lì tutta quella gente.

— «Che posizione...!» mormorò mia zia. Avevo una gamba sul bracciolo e credo si vedesse l'altra un pochino.

C'era da vergognarsi? Forse si; ma io non me ne vergognai! Quattro anni fa avevo la veste corta, e tutti si credevano in dovere di ammirare le mie gambe... visto forse che il viso non aveva nulla di particolare.

E poi mi ricordai che mia zia... pochi giorni prima, mi aveva consigliato di comperar le calze assortite agli abiti perché... quando si sale in carrozza, chi è dall'altra parte della via ci vede la gamba fino al ginocchio .... Ed ora... Non vi pare che io abbia ragione di ridere?

— «Non lasciarla andare, Manolo! non mancherebbe che questa!» esclamò spaventata la zia.

— «A Natale non si rifiuta niente ai bambini,» rispose il babbo accarezzandomi. Io baciai quella mano che mi passò sulle labbra, e mi alzai...

— «Sentite» dissi «vi racconterò una storiella, e se non vi convertite... peggio per voi!

«Ero dunque alla scuola comunale...»

— «Lo sappiamo, pur troppo!» mormorò la zia con un sospiro.

Io continuai: «Ero la figlia del soprintendente