Pagina:Bisi Albini - Donnina forte, Milano, Carrara, 1879.djvu/31

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search



Era uno stanzone grande, che non riceveva luce che dalla porticina a vetri, diviso da un paravento su cui erano impastate delle pagine di giornali illustrati: là dietro si vedeva un letto grande, una culla e una tavola. Davanti c'era un caminetto, e sopra due scale, i cesti pieni di verdure che sgocciolavano, di frutti, e di polli mezzo pelati.

La fruttaiola era seduta vicino al fuoco col libro delle preghiere, e il suo bambino, su uno sgabello, aveva lo mani e le gambine sotto la gonnella di lei per iscaldarsi al veggio.

Si alzò arrossendo come una brace, e mi venne incontro lentamente e dimandandomi senza guardarmi: «Che cosa desidera la signora?»

— «Desidero di salutarti, Giuseppina!»