Pagina:Bisi Albini - Donnina forte, Milano, Carrara, 1879.djvu/40

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 38 —


tratto, per cercar di liberarmi da quell’oppressione, diedi in una risata.

— «Ah! ah! ha ragione l’Elisa, ti pare? Una fanciulla più pedante e pesante di me non c’è in tutta Milano!»

Egli si volse a cercar una seggiolina bassa e venne a sedersi davanti a me: aveva in tutta la fisonomia un’aria grave che non gli avevo mai veduto.

— «Sai» mi disse lentamente e a voce sommessa «che tu confonderesti l’ uomo più eloquente e spiritoso del mondo?»

— «Ah, davvero? il che vuol dire, in altre parole, che ho confuso il mio signor cugino Gian Carlo dei marchesi***!... Oh, non c’è bisogno di ringraziamenti: non ho fatto che interpretare la tua frase.»

— «Sei terribile!»

— «Si?»

— «E terribilmente bella.»

— «Ah, questo!..» e mi sentii offesa davvero.

Egli mi sporse uno specchietto che aveva in un taschino. — «Guarda che occhi!» Mi guardai: erano grandi o ombreggiati dalle ciglia nerissime e lunghe... ma erano grigi!

— «Occhi di gatto!» esclamai.

— «Sono gli occhi più brillanti, più fieri, più profondi, più reveux... C’è tutto qui dentro!»

E mi guardava fisso fisso. Aveva i gomiti sulle ginocchia e colle mani arrotolava una sigaretta: ne