Pagina:Bisi Albini - Donnina forte, Milano, Carrara, 1879.djvu/55

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 53 —


fratello è amico del giovane De Lami, il famoso velocipedista...»

— «E ha frequentato molto la casa della signorina, questo lo so,» replicò Rinaldi.

Davvero che quel suo tono di voce sempre uguale e quel suo viso freddo e immobile, cominciava a irritare anche me.

Elisa mi diede un’occhiata che voleva dire:

— «Dio mio: com’è pedante!»

— «Senta, contessa, — egli contiuuò «Che sia irritata contro qualcuno che le abbia fatto la corte e poi...»

— «La corte! O chi volete che le faccia la corte, Dio mio!» esclamò ella ridendo.

— «Elisa! come sei terribile!» dissi io. «Oh, lasciamelo dire: sei terribile e ingiusta. Povera signorina! Tu hai detto che è sofistica? invidiosa? maligna? Guarda! ed io invece sono sicura che è buona e che soffre.»

— «Grazie!» mi rispose risentita.

— «Soffrire di che?» aggiunse poi tentando di sorridere.

— «Non lo so: è certo un suo segreto, e nè io nè voi dobbiamo cercar di saperlo...»

Ma entrò il tenente Alfieri e il Rinaldi venne a sedersi vicino a me.

Incominciò il secondo atto, e i miei occhi si fissarono sulla scena: ma per quanto mi sforzassi, non riuscii